Turismo ecosostenibile in Umbria: viaggiare in sinergia con il territorio

Turismo ecosostenibile in Umbria: viaggiare in sinergia con il territorio

Sono tanti i modi di viaggiare e gli approcci che ogni viaggiatore sceglie di intraprendere quando è in vacanza. Da qualche anno a questa parte si è registrata una notevole crescita dell’ecoturismo, una modalità di viaggio sostenibile che comporta la salvaguardia e la tutela dell’ambiente e il rispetto delle usanze e della cultura del luogo.

L’ecoturismo rientra nella più ampia logica dello sviluppo e della valorizzazione di un territorio. La maggior consapevolezza dell’impatto che l’uomo può avere sull’ecosistema, ha portato alla ricerca di luoghi lontani dai circuiti di massa, che prediligono itinerari ad alto valore artistico di cui l’Italia è ricca. Turismo ecosostenibile, non significa solo rispetto della natura, ma anche entrare in contatto con l’autenticità del luogo che si vuole visitare, fatta di storia, cultura e tradizioni, cercando di minimizzare l’impatto ambientale delle strutture turistiche e promuovendo la partecipazione attiva delle comunità locali. Ciò che spinge il turista eco friendly a intraprendere questo tipo di viaggio, è proprio entrare in sinergia con il territorio a 360°. In un mondo frenetico, in cui il tempo sembra non bastare mai, la vicinanza con la natura, il ritorno alle origini e alle cose semplici sono diventate sempre più determinanti quando si decide di intraprendere un viaggio. Sono tante, anzi tantissime le possibilità offerte dal nostro territorio tra parchi regionali, oasi e aree protette, ma anche borghi, città artistiche e siti culturali di incredibile bellezza. Una delle mete più gettonate ogni anno dai turisti ecosostenibili è proprio l’Umbria, terra famosa per chi ricerca tranquillità e relax. Passeggiate a contatto con la natura, trekking urbano, escursioni in montagna, itinerari culturali e gastronomici, sono solo alcune delle proposte che il “cuore verde dell’Italia” offre ai suoi visitatori. I suoi borghi medievali, veri e propri gioielli architettonici, caratterizzano le colline e le valli umbre e permettono di fare un tuffo nel passato: Amelia, Citerna, Corciano, Bettona, Bevagna, Spello, Montefalco, Norcia, Gubbio, Todi, Assisi, Spoleto, Castiglion del Lago, Massa Martana, Lugnano in Teverina sono solo alcuni dei borghi in cui si possono ammirare tutte le bellezze di questa terra. Ai centri storici e ai beni culturali che offre il territorio umbro, si intrecciano coltivazioni, artigianato e buona tavola. Tradizione e territorialità caratterizzano le proposte culinarie umbre, in cui vengono selezionati solo prodotti a km 0 delle aziende agricole locali che seguono le stagionalità della terra.

Un turismo ecosostenibile e consapevole quello che caratterizza il territorio umbro, all’insegna di itinerari smart, green e slow, in cui lasciarsi trasportare dal ritmo lento dei propri passi, dove il tempo si ferma e si entra in contatto con l’identità più genuina e vera di questi luoghi, fatta di storia, cultura, saperi e sapori.

Leave a Reply

Your email address will not be published.